Viaggio adatto a tutti, con camminate anche lunghe che non richiedono una particolare preparazione specifica, ma solamente uno stato di buona forma fisica.
L’Armenia è descritta da molti come un museo all’aria aperta, sono numerosi i monumenti storici sparsi sul suo territorio che visiteremo camminando attraverso montagne, colline, canyon e valli.

Programma:

1° giorno: Italia – Yerevan
Arrivo all’aeroporto e trasferimento in albergo.

2°giorno: Yerevan
Dopo la colazione, visitiamo il Matenadaran, edificio che custodisce 17.000 manoscritti e 100.000 documenti d’archivio, medievali e moderni. Ci rechiamo poi al museo di storia nazionale per avere un inquadramento storico/sociale della civiltà armena.
Saliamo alla “cascade”, monumentale scalinata che sale sul fianco di una collina dalla cui sommità si gode di una vista su tutta la città e sul Monte Ararat.

3°giorno: Yerevan-Khor Virap – Areni – Noravank – Tanahat – Yeghegnadzor
Lasciamo la città e raggiungiamo il monastero di Khor Virap e successivamente continuiamo il nostro viaggio per Areni, capoluogo della regione vitivinicola nazionale. Visitiamo la chiesa di Surb Astvatsatsin. Camminando raggiungiamo il complesso monumentale religioso di Noravank, situato in una posizione strategica e spettacolare.
Con i nostri mezzi ci spostiamo verso nord per visitare il monastero di Tanahat, isolato tra le colline.
Rientriamo nella cittadina di Yeghegnadzor dove ceniamo e pernottiamo.
A piedi: circa 6 Km con un dislivello in discesa di circa 250 m.

4° giorno: Yeghengnadzdor – Jermuk – Gnedevank – Yeghengnadzdor
Dopo la colazione partiamo in direzione est/nord-est ed arriviamo alla cittadina di Jermuk, rinomata stazione termale e sciistica e da qui scendiamo a piedi lungo lo straordinario canyon formato dal fiume Arpa. Se avremo tempo potremo anche visitare con una piccola deviazione il monastero di Gnedevank.
Raggiunto il fondo della gola, dove incrociamo la strada nazionale, con le nostre auto ritorniamo a Yeghegnadzor dove ceniamo e pernottiamo.
A piedi: circa 20 Km con un dislivello in discesa di circa 620 m.

5° giorno: Yeghengnadzdor – Smbataberd – Selim – Noraduz – Dilijan
Dopo colazione, iniziamo a camminare dal villaggio di Yeghegis verso la poderosa fortezza di Smbataberd e il monastero di Tsakhats Kar.
A Yeghegis visitiamo l’insolita chiesa di San Zorats, riservata alla benedizione delle truppe che partivano per la guerra.
Proseguiamo verso nord percorrendo la famosa “via della seta”, attraversiamo il passo Selim (2.410 m) e sostiamo al caravanserraglio medievale eretto nel 1332. In questa zona è facile avvistare le aquile che volano basse in cerca di prede. Costeggiamo il lago Sevan, il secondo lago al mondo per estensione in altura (1900 m). Visitiamo lo storico cimitero medievale di Noraduz. Attraversiamo la zona collinare di Sevan ed arriviamo a Dilijan dove ceniamo e pernottiamo.
A piedi: circa 14 Km con un dislivello in salita di circa 500 m.

6° giorno: Dilijan – Fioletovo – Lermontov – Kurtan – Debet 
Partiamo la mattina presto in direzione nord ed attraversiamo a piedi due villaggi in cui risiedono da qualche secolo i “Molokani”, una minoranza proveniente dalla Russia qui emigrati per motivi religiosi.
Con le auto ci dirigiamo al villaggio di Kurtan, dal quale proseguiamo a piedi dentro l’ampio canyon fino al villaggio di Dzoraget. Durante questa camminata attraversiamo panorami indimenticabili e con una breve deviazione possiamo raggiungere il monastero di Hnevank. Riprendiamo e raggiungiamo Debed dove ceniamo e pernottiamo.
A piedi: circa 20  Km circa con un dislivello in discesa circa 400 m.

7°giorno: Debed – Sanahin – Haghpat – Yerevan
Dopo la colazione ci spostiamo in auto fino al villaggio di Sanahine per visitare il monastero di Sanahin. A piedi attraversiamo un altipiano da cui si dipartono due profondi canyon e raggiungiamo il monastero di Haghpat (patrimonio Unesco).
In serata rientriamo a Yerevan dove ceniamo e pernottiamo.
A piedi: circa 8 Km con un percorso pianeggiante.

8°giorno: Yerevan – Cresta Rossa – M. Azhdahak – Geghard – Yerevan
Dopo la colazione ci dirigiamo con delle jeep verso il Monte Tar o Cresta Rossa (vulcano spento).
Con le Jeep ci avviciniamo alla vetta del vulcano che poi raggiungeremo a piedi ed ammireremo il panorama sottostante.
Visitiamo il monastero di Geghard (patrimonio Unesco) e l’alta valle del fiume Azat.
In serata rientriamo a Yerevan dove ceniamo e pernottiamo.
A piedi: circa 15 Km (dislivello: dipende da dove arriviamo con i fuoristrada)

9°giorno: volo di ritorno in Italia

Date 2020: dal 26 settembre al 4 ottobre

Costi:  € 1650 + volo a persona
partenza assicurata con 6 persone (gruppo max 10 viaggiatori)

Per meno di 6 persone quotazioni su richiesta

La quota include:

Guida geologica e naturalistica dall’Italia
Accompagnatore/Guida locale
Trasferimento da e per l’aeroporto di arrivo
Soggiorno in strutture ricettive di qualità (alberghi e B&B) con sistemazione in camere doppie
Trasporto con mezzi adeguati durante tutta la durata del viaggio (autovetture fuoristrada per la salita al monte Azhdahak)
Trattamento di pensione completa dal secondo giorno all’ottavo giorno (i pranzi nel limite del possibile si consumano nei ristoranti che si trovano lungo i cammini , quando non è possibile si pranza al sacco)

La quota non include:

Il volo (per un preventivo comprensivo di volo contatta la nostra agenzia allo 045.800.51.67)
Assicurazione medico/annullamento obbligatoria
Mance per il personale locale
Eventuali pranzi del primo e dell’ultimo giorno
Bevande
Tutto quanto non espressamente indicato ne “La quota include”

La direzione tecnica del viaggio è affidata all’agenzia Top Travel Team di Verona